Categorie
Senza categoria

Cronache dell’Akasha – I tarocchi del cammino – settimana dal 3 al 9 febbraio 2020 –

Elemento terra ed acqua saranno i protagonisti di questa settimana, con l’invito a comprendere, che essi non sono separati, non esiste un contenitore acqua, e un contenitore terra, gli elementi fluiscono l’uno nell’altro, per comodità diamo un nome alle loro qualità specifiche, ma sono interconnessi. l’invito di questa settimana è proprio quello di affinare la capacità di sentire questa profonda interconnessione in tutte le cose della vita.

Sotto pressione sarà il nostro ego, alcuni buoni risultati che abbiamo raggiunto potranno confonderci, inducendoci a pensare di essere imbattibili, non corriamo questo rischio e attribuiamo le nostre conquiste alla parte divina che ci abita, non dimentichiamo di ascoltare ed amplificare il sentimento della gratitudine.

La tenacia è la costanza potranno essere premiati, in tutti i settori della vita, gli sforzi che compiamo, avranno uno sbocco positivo e solido. in questi casi attenti sempre al rovescio della medaglia, siamo veramente pronti a comprendere che la vita è come una onda radio con alti e bassi, se fossimo in questa sintonia profonda, le cose ci sconvolgerebbero un po’ di meno.

il consiglio è per questa settimana di tendere o proiettare ciò che avete intenzione di manifestare tra qualche mese, c’è una buona connessione, nei corpi sottili che ci consente di essere capaci perchè più leggeri.

Se avete questioni insolute dentro di voi questo è un buon momento per chiedere lumi a qualcuno che nella vostra vita spirituale e pratica, vedete come una persona saggia.

la meditazione che consiglio del Kundalini Yoga di Yoghi Bhajan lavora sulla nostra forza di volontà per affrontare i cambiamenti continui ai quali siamo sottoposti :

Il mio augurio per questa settima, è che riusciate a sentire, la vostra unicità, sempre

Mahan Priti Kaur

Se vuoi un consulto personale puoi scrivere alla mia mail bluscorpionavallonegmailcom

Categorie
Senza categoria

Cronache dall’Akasha -I tarocchi del cammino – settimana dal 13 al 19 gennaio

Questa settimana saremo spinti a dare uno sguardo al nostro passato cercando in esso un conforto e una direzione, a volte la vita sembra un susseguirsi di esperienze simili tra loro, infatti l’universo ci “spinge” a fare esperienza di una certa cosa e fino a quando non decidiamo di entrare in questa cosa, il cerchio non si chiude mai.

Dobbiamo imparare ad essere maggiormente ricettivi ed accettare le cose per come vengono senza impugnare la spada e metterci a combattere con i mulini a vento. La nostra struttura spirituale, certe volte prende delle forme misteriose e spesso segue dei cammini che ci sembrano tortuosi e poco chiari, il punto è che noi abbiamo paura del vuoto, ed ogni volta che ci imbattiamo in un vuoto lo riempiamo di pensieri inutili e dannosi.

Il consiglio più netto per questa settimana è quello di seguire un ritmo costante di essere presenti e di aumentare la nostra autodisciplina, dobbiamo essere capaci in questa settimana di operare delle scelte con equità e rigore mentale, non tutte le proposte che riceviamo saranno accettabili, dobbiamo discernere e dividerci da quello che sentiamo non ci appartiene più.

Il lato economico subirà un miglioramento nel fine settimana, se mettiamo in atto un atteggiamento di costanza e determinazione, e se, teniamo conto che alcuni aspetti delle questioni che più ci stanno a cuore, non dipendono esclusivamente dalle nostre decisioni, ma anche dalla partecipazione di altre persone, che hanno obiettivi diversi.

La meditazione che consiglio per questa settimana del Kundalini Yoga del Maestro Yogi Bhajan è :

Vi auguro una felice settimana e vi incito a cercare nel vostro bagaglio la cartelletta spontaneità!

Mahan Priti Kaur

Per consulti contatta la mia mail : bluscorpionavallone@gmail.com

Categorie
Senza categoria

Cronache dell’ Akasha – I tarocchi del cammino –

Il 2020 secondo i tarocchi di marsiglia

Da un primo sguardo generale si può immediatamente notare che le carte mettono in evidenza per quest’anno due elementi sui quali lavorare ed equilibrare: la terra ed il fuoco.

Questi due elementi ci metteranno i bastoni tra le ruote se non equilibrati con tutti gli altri. Saremo, perciò spesso tentati ad usare dei modi diretti e sbrigativi anche quando non necessario, correndo il rischio di fraintendimenti e incomprensioni. Le nostre preoccupazioni si indirizzeranno quindi generalmente verso la materiallità da una parte e la volatilità dall’altra, bella impresa!

Se trasportiamo questo ragionamento sulla vita della madre terra compresi noi esseri umani sarà facile individuare quali possono essere i problemi e i rischi che si corrono, ira e distruzione sono sicuramente le prime cose che ci vengono in mente, ma anche come dicevo se equilibrati amore per la stabilità e volontà di purificazione.

Ma andiamo nel dettaglio la prima carta ci dice immediatamente che siamo in una “bolla”, tutti incatenati al desiderio di possesso di ogni genere di bene materiale e immateriale, tutti proiettati ad ottenere e costruire, senza peraltro, abbandonare quello che già si ha. Completamente dimentichi della legge del “non attaccamento”. In questi giorni mi è capitata tra le mani una lecture di Yogi Bhajan che tra le altre cose diceva così : “Volete tutto, ma non sapete seminarlo……C’è una legge che non puoi attraversare: si chiama Legge della Natura Creativa. O le cose verranno sempre da te, o andrai sempre dietro alle cose; non può essere che a volte insegui le cose e a volte le cose ti inseguono. È sbagliato! Non succede mai, e questa è la principale confusione”.

Nel libro “I quattro accordi” uno degli accordi è “fai del tuo meglio”, è un invito semplice che non ha bisogno di alcuna spiegazione, e che se praticato, ci può aiutare a mantenere l’equilibrio tra la tendenza a strafare per raggiungere l’obiettivo, e quella sensazione di pace che si produce, quando conscio che hai fatto il tuo meglio, non devi fare null’altro.

Servirebbe spendere altre parole sulla necessità di lavorare sul proprio ego e sul famoso ego spirituale che ci annebbia la vista ogni tanto facendo passare per buono ogni azione compiuta in realtà solo per aumentare il fuoco del nostro terzo chakra, che in definitiva alla fine si ritorce contro noi stessi? Cosa fare dunque in questo caso? Tutti i grandi saggi ci invitano al contatto con la natura, scegliere di passeggiare in riva al mare oppure in un bosco, magari con le spalle rilassate, lasciando andare al mare e agli alberi tutte le nostre fissazioni tutti i nostri “obiettivi”, ricordandoci semplicemente che il nostro cuore batte e che siamo vivi.

Non dobbiamo raggiungere nessun obbiettivo, dobbiamo raggiungere noi stessi, il resto arriverà da solo, il fuoco che nel cuore è mitigato ci invita a sviluppare innanzitutto l’intuizione, quella capacità che ci consente di connetterci alle cose aldilà del velo di Maya, che ci da la coscienza di arrivare all’essenza tranquillizzando il rumore della mente; il chakra del cuore è la maturità emotiva, è la porta del vero sentiero spirituale. Gurdjieff definiva il cuore come “amore della coscienza”

Non vi lascerò il tempo di obiettare che la vita è fatta di altre cose e che ogni tanto è necessario essere con i piedi per terra pronti a lottare per quello che si vuole, perchè questo è l’ultimo suggerimento che i tarocchi che ho scelto per quest’anno ci consigliano, come fare a bilanciare una mente meditativa intuitiva con la necessità dell’azione lascio a voi scoprirlo, con l’invito a praticare una disciplina spirituale che vi consente di sentirvi guidati in un percorso che non è più solitario ma è condiviso ed è stato condiviso da altri prima di voi.

La meditazione che consiglio del Kundalini Yoga del nostro Maestro Siri Singh Sahib Harbahajan Singh Khalsa Yogiji : M128 b


Non mi resta che augurarVi un anno pieno di cose essenziali e fulminanti nella loro semplicità.

Mahan Priti Kaur

Categorie
Senza categoria

Cronache dall’Akasha – I tarocchi del cammino – Settimana dal 25 novembre al 1° dicembre

Sei pronto al cambiamento?

Le carte di questa settimana ci indicano che tutto quello che è in programma potrà avere dei buoni risultati, anche se ti sentirai molto più esposto alle contraddizioni ed ai giudizi delle persone.

Molti non sono d’accordo con le tue iniziative e tendono a prendere delle posizioni contrastanti rispetto alle tue buone intenzioni, l’equilibrio può essere messo alla prova, quello che ci può sostenere è rafforzare il nostro calibro e le nostre potenzialità.

Accostandoci alla nostra vera essenza, sperimenteremo le qualità della calma e della naturalezza, ogni evento può apparire chiaramente nel nostro piano mentale, ed ogni azione può essere naturalmente collegata al karma personale.

Teniamoci saldi perchè grandi cambiamenti sono in arrivo, chi ha con costanza seguito il suo cammino spirituale, può affrontare queste energie potenti di rinnovamento che si manifesteranno dalla fine di questa settimana fino all’anno prossimo, ma questo non deve spaventarci, tutte le parole i progetti e le aspirazioni, verranno passato al setaccio dalla nostra parte più oscura, lasciamo che sia. E’ necessario realizzare, che la nostra ombra è la nostra vera forza.

Comincia ad affermare attivamente il ruolo che vorresti svolgere nel 2020, ciò che dovrai affrontare ti aiuterà a coltivare nuovi livelli di forza interiore e nuove abilità da condividere con gli altri.

Meditazione consigliata del kundalini Yoga come insegnato da Yogi Bhajan :

Il tuo tempo è limitato, quindi non sprecarlo vivendo la vita di qualcun altro. (Steve Jobs)

Buona Settimana

Mahan Priti Kaur

Categorie
Senza categoria

Cronache dall’Akasha – I tarocchi del cammino – Settimana dal 18 al 24 novembre

L’atto disinteressato è quello che ci suggerisce il quadro d’insieme dei tarocchi di questa settimana.

Gli obiettivi che ci siamo prefissi possono apparire lontani e poi a volte assolutamente a portata di mano, il punto è che ci sta sfuggendo qualcosa, siamo troppo tesi al risultato finale e agli obiettivi, e siamo completamenti assorbiti da qualcosa che deve verificarsi, senza avere occhio per quello che sta accadendo ora e qui.

Essere presenti, questa la chiave, per trascorrere una settimana in cui le situazioni si presentano altalenanti e che possono scoraggiare chi è in attesa di grandi risultati. E’ tempo di impegnarsi anche se i risultati tardano a venire, partendo da una posizione disinteressata.

Manteniamoci centrati sul cuore sul naturale evolversi della vita, e con la consapevolezza, che non tutto dipende dai nostri atti e dalla nostra volontà.

L’accanimento porta solo a disperdere i risultati, aumentando le aspettative. Guardiamo al mondo ed alle cose come qualcosa che già è, tutto quello di cui ci occupiamo deve tendere esclusivamente alla nostra capacità di assomigliarci il più possibile, assomigliare alla scintilla divina che abita in ognuno di noi.

meditazione consigliata del Kundalini yoga del Maestro Yogi Bhajan :

Fai pace con te stesso

Buona settimana

Ziggy Mahan Priti

Categorie
Senza categoria

Cronache dall’Akasha – I tarocchi del cammino – Settimana dall’11 al 17 novembre

Nei primi giorni di questa settimana è indicato lasciar esaltare le qualità dell’azione e della impresa, anche in solitaria.

Alleggeriamoci dalla stress anche evitando di fare previsioni di come possano evolversi le conseguenze delle nostre azioni. Il consiglio è agire con sicurezza, dare l’esempio, ed essere decisi, dando poca importanza alle sconfitte passate, ed affidandoci, alle nostre capacità di ripresa collegate ad un terzo chakra che sostiene e incita al miglioramento generale del nostro stile di vita.

Anche se ci sentiamo ancora sbilanciati, possiamo e dobbiamo agire, gli ostacoli da superare sono il nervosismo e la poca compassione.

Dobbiamo ripassare o riconoscere i nostri confini, e indirizzare l’energia a valorizzare la personalità, c’è sete di conoscenza, ideale sarebbe iscriversi ad un nuovo corso, o cominciare un nuovo percorso di conoscenza. Dobbiamo inoltre essere più incisivi e presenti, ed evitare pettegolezzi.

L’ultima carta ci indica chiaramente che siamo in un momento in cui possiamo trarre delle conclusioni, siamo giunti ad un punto in cui è necessario fare un resoconto e aspettarci le nuove spinte positive che sono in arrivo, i giorni di magra sono finiti e siamo pronti a coinvolgerci in nuove attività, da affrontare tranquillamente.

L’invito è di lavorare attraverso le meditazioni del Kundalini Yoga sul centro del cuore, perchè solo attraverso le qualità del IV chakra le nostre visioni sono chiare e non rischiamo di cadere nei tranelli della mente.

Buona settimana

Ziggy Mahan Priti

Categorie
Senza categoria

Cronache dall’Akasha – I tarocchi del cammino – Settimana dal 4 al 10 novembre

I nostri progetti lavorativi e di vita si fanno a volte sempre più astrusi e si arricchiscono di particolari, le carte questa settimana, ci indicano come programma generale quello di ritornare all’unità.

Lo sviluppo al quale dovremmo anelare deve essere sempre la ricerca dell’unità, giudizi e preconcetti alla fine ci sfiancano, senza portarci nulla di buono. A cosa può servire, riflettere troppo su ogni azione e parola se non a creare un baroccamento inutile.

i progetti questa settimana possono avere delle buone possibilità di concretizzazione, ma sembra che in questo periodo ci manchi la semplicità per apprezzarli. Andiamo di fretta in questa settimana, e ci perdiamo qualcosa di importante.

C’è una generale necessità di ricarica fisica e mentale, siamo alle prese con nuove potenzialità che crediamo di possedere già per intero, questo determina la perdita di occasioni di guardare con più acume dove siamo e cosa possiamo fare per stare meglio.

La grinta è una un’ottima compagna nella vita, meglio se accompagnata dalla sensibilità verso gli altri

La meditazione che consiglio del Maestro Yogi Bhajan del Kundalini Yoga

Grazie a tutti voi di cuore

Ziggy Mahan Priti Kaur

Categorie
Senza categoria

Cronache dall’Akasha – I tarocchi del Cammino – settimana dal 28 ottobre al 3 novembre –

Come poteva mancare, il diavolo, uno degli arcani maggiori che fa più paura, in questa settimana? Non poteva, si presenta dandoci immediatamente un diktat “O scendi in profondità, nel tuo abisso per guardarti negli occhi, oppure ogni bella parola su di te e il mondo, le tue gioie e le tue soddisfazioni, non significano nulla”

E allora qual’è questa paura che ci incatena a rimanere sempre in superficie? forse ne è solo una ed è la paura di essere esattamente tutto quello di indecente e intollerabile che vedi negli altri, e per meglio dire tutto quello che riconosci negli altri ti appartiene come potenzialità. Dunque questo ci dovrebbe far rendere conto di quanto il prisma della nostra personalità rimanda tutti i colori dell’arcobaleno, non ci sono scorciatoie, “tu sei quello” in ogni declinazione possibile.

Le carte ci invitano a percepire il nostro campo elettromagnetico e quello della terra, invitandoci ad usare l’acqua come elemento purificatore.

Nell’era dell’acquario stiamo attivando il chakra del cuore, questo può essere un passaggio doloroso per alcuni e più fluido per altri, bisogna lavorare su stessi ed andare avanti avendo piena fiducia, nell’armoniosa vibrazione continua dell’Universo, non devi capire tutto basta sentire

Le carte infine ci indicano quali corpi spirituali saranno più sotto pressione e cioè il corpo pranico e l’ aura, meditare su questi corpi, renderà la settimana più agevole.

Meditazioni che consiglio del Kundalini Yoga del Maestro Yogi Bhajan sono :

per il 31 ottobre se proprio ci tieni travestiti pure, più importante sarebbe usare questo portale, per manifestare abbondanza e volontà di crescere per i prossimi mesi. Sii compassionevole, tutto il resto già c’è

Ziggy Mahan Priti Kaur

Categorie
Senza categoria

Cronache dall’Akasha – I tarocchi del cammino – settimana dal 21 al 27 Ottobre

In questa settimana sentiremo una certa tensione al terzo chakra con squilibri che si concretizzeranno nella possibile incapacità di trovare l’equilibrio nei rapporti con gli altri e in particolare con noi stessi.

Dobbiamo regolare l’elemento fuoco, che potrebbe essere troppo forte o carente, rimescolando ancora le carte e facendoci sentire inadatti e incapaci, i tarocchi ci consigliano di usare l’elemento acqua.

Sicuramente saremo condotti ad attraversare molte emozioni che provengono dalla nostra parte più intima, dobbiamo essere in grado di affrontare questa situazione, sapendo miscelare le nostre insicurezze ed ombre, con il ricordo delle nostre qualità, che potranno sollevarci portarndo alla luce, illuminandole, tutte le parti di noi che non vogliamo ammettere e guardare.

Mettersi in una posizione di ascolto, in questa settimana può essere una buona pratica, per ricollegarci, alla fonte di ogni cosa e per sentire il collegamento con l’infinito.

Il velo di Maya in questi giorni sarà più sottile, sono possibili visioni e illuminazioni, che ci aiuteranno a espanderci ancora di più, la barriera sarà la poca volontà e l’impegno discontinuo.

Meditazione consigliate del Kundalini Yoga del Maestro Yogi Bhajan :

LA 530

voglio condivider con voi alcune considerazioni di Cal Garrison una astrologa americana di grande esperienza, che stimo moltissimo a proposito di questo periodo sospeso fra due regni:

Mentre la luce della natura diminuisce, l’oscurità che ci avvolge è un segno che possiamo solo andare dentro per trovare un diverso tipo di luce. Ho sentito dire che l’unico modo in cui puoi davvero iniziare a vedere è nell’oscurità totale. E questo può essere vero perché ci sono i problemi del nostro sé ombra che ci impediscono di essere pienamente ciò che siamo. E se non usiamo questa volta per osservarli un’ultima volta e chiudere il caveau su qualunque cosa rappresentino, non ci evolveremo. Quando il sole ritorna sul solstizio d’inverno, dovremmo avere abbastanza chiarezza su ciò che sta sotto per andare avanti senza ostacoli. Il vero significato e la bellezza dietro tutte le tradizioni di Halloween sono andati persi. Ci vestiamo con costumi, scolpiamo le zucche e le accendiamo con le candele, ci concentriamo su tutti i tipi di cose sinistre ma non ci rendiamo conto di “Perché?” Nei vecchi tempi il motivo per cui tutti indossavano i costumi di Halloween era che nella notte di “Capodanno” (capodanno Wicca ndr) potevano incarnare l’immagine di ciò che volevamo essere nel ciclo successivo. Era un modo magico per imprimere ciò che desideravano per noi stessi nella matrice universale. Le zucche scavate erano simboli per l’utero della Grande Madre. Le candele poste al loro interno erano un segno di tutto ciò che la luce in questo periodo dell’anno brilla dall’interno. Gli scheletri e l’enfasi sulle cose “inquietanti” avevano a che fare con il possesso delle nostre più grandi paure. La vera bellezza di questo periodo trasversale della stagione è che le forze oscure che si incontrano diventano tutt’uno con qualunque cosa vogliamo riconoscere. E quando cancelli la linea che separa il bene e il male, la paura e l’amore, e la vita e la morte, vedi che qui è tutto solo Dio. Le ragioni più profonde alla base del perché i Pagani sapessero abbastanza per onorare Halloween sono avvolte da tutto ciò che ci hanno fatto dimenticare. Ma da qualche parte all’interno sappiamo qual è la verità, perché è più potente delle forze che l’hanno tenuta nascosta. Esplora i passaggi in cui ti sei chiuso e fai ogni sforzo per vedere cosa c’è dentro. Pensa a ciò che non vuoi vedere e chiediti perché ti spaventa così tanto. Porta tutto alla luce e abbraccialo. Quando lo fai scoprirai che tutto in te è divino.
 

Buone scoperte

Ziggy Mahan Priti Kaur

Categorie
Senza categoria

Cronache dall’akasha – I tarocchi del cammino – settimana dal 14 al 20 ottobre –

Siamo tutti chiamati in questa settimana ad una espansione della nostra energia, per poterci manifestare al meglio. molti sono stanchi di proseguire e troveranno mille difficoltà, ma il cammino e l’evoluzione non aspetta, i suggerimenti dell’universo ci arrivano copiosi, non possiamo tapparci i sensi e fare finta di non capire. Tenere in allenamento il fisico la mente e la psiche, sono le basi per affrontare con maggiore neutralità, le sfide che ogni giorno si presentano.

Dobbiamo aumentare il nostro campo per essere in grado di sentire l’infinita bellezza del creato, dobbiamo cercare il centro per percepire pienamente la portata dei cambiamenti energetici che stanno manifestandosi. dobbiamo evitare di avere paura ed agire con coraggio e determinazione, rischiando di sbagliare, piuttosto di non agire.

La settimana comincia con una buona inquadratura, con desideri antichi che si realizzeranno, passioni e lavoro, vita spirituale e crescita, formano tutta la tua personalità, ogni raggiungimento, dovrebbe generare una tranquillità in tutto il sistema.

Da metà settimana si avvertirà un vuoto creativo, dovuto ad uno squilibrio nei tattwa, l’elemento aria, si manifesterà molto, mettendo in discussione, sentimenti ed emozioni, bisogna essere molto presenti e lasciare andare, non fossilizzarsi sui ragionamenti intellettuali e di giudizio. Sarà più complicato comunicare, il piano si può spostare sulle intenzioni, per evitare fraintendimenti. Una necessità di allontanarsi dal solito di ritirarsi potrebbe essere un mezzo per ricollegaci alla nostra forza originaria

meditazioni del Kundalini Yoga del Maestro Yogi Bhajan :

Buona settimana di pratica e disciplina a tutti

Ziggy Mahan Priti Kaur