Categorie
rituali

Rituale di autobenedizione

Questo rituale andrebbe eseguito durante la Luna nuova, ma non è strettamente limitato a questa fase lunare.

E’ la necessità e non il tempo meteorologico che deve spingere ad agire. Si tratta di un rituale di grande potenza che deve essere officiato quando se ne ha davvero bisogno e non con leggerezza o faciloneria. Lo scopo primario è mettere il soggetto nelle condizioni ideali per meglio avvertire la presenza della divinità, come entità superiore e suprema. In tono minore, lo si può celebrare anche come rituale di auto-offerta, specie quando non si dispone di una sacerdotessa, un sacerdote o di una congrega. Infine, lo si può intendere anche come un piccolo esorcismo per allontanare tutte le influenze negative che possono essersi accumulate sulla persona. In questa dimensione, può venir officiato da chiunque per se stesso, uomo o donna, a piacere.

Il rituale va eseguito in un luogo silenzioso, lontano da disturbi di ogni tipo. Ecco ciò che occorre: sale, qualche pizzico in una ciotola; vino, un bicchiere; acqua, mezzo bicchiere; candela, di tipo votivo.

A rituale terminato, un sentimento di grande pace e serenità scenderà su di voi.

Quando si ritiene di essere pronti, si sparge il sale per terra e si accende la candela. Lasciate che la vivida luce si diffonda e assorbitela nel vostro corpo mescete il vino e l’acqua in un unico contenitore.

Nel compiere queste semplici operazioni fissate bene in mente il motivo di questa autobenedizione.

Ora, proclamate a voce alta: Benedicimi, Madre, perché sono un tuo figlio.

Intingete le dita della mano destra nella miscela di acqua e vino e bagnatevi gli occhi, dicendo: Che i miei occhi siano benedetti, affinché possa scorgere il tuo sentiero.

Bagnatevi il naso: Che il mio naso sia benedetto, affinché possa odorare la tua essenziale fragranza.

Bagnatevi la bocca: Che la mia bocca sia benedetta, affinché possa parlare di te.

Bagnatevi il petto: Che il mio petto sia benedetto, affinché possa mantenere fede alla parola data.

Bagnatevi i fianchi: Che i miei fianchi siano benedetti, essi che trattengono la vita dell’uomo, come da te ogni cosa discende.

Da ultimo, bagnatevi i piedi: Che i miei piedi siano benedetti, affinché io possa seguire il tuo cammino.

A questo punto il rituale è finito, ma è consigliabile soffermarsi ancora qual che istante per cogliere completamente la magia del momento.

Non dimenticate di meditare su un fatto importante: con questa benedizione avete invocato l’attenzione benevola della Dea, chiedendole con umiltà di crescere in Lei e di raggiungere le mete che vi siete prefissi, nella conoscenza e nella saggezza.

Mahan Priti Anna

I miei seminari, corsi, consulenze personali, sono tutte a contributo libero, per maggiori informazioni, scrivi a questa mail : bluscorpionavallone@gmail.com

Categorie
rituali

Il rituale dei nodi

Un importante principio di magia dice che una qualsiasi semplice emozione o forza elementare può essere governata e tenuta sotto controllo bloccandola con un nodo. Amore, poteri magici, venti, nuvole, pioggia, la cura di una malattia…

insomma, tutto può essere “legato” con il solo aiuto di una cordicella scarlatta (meglio se consacrata a livello magico durante un rito all’interno di un Grande o Piccolo Cerchio), che, avvolta in un panno di seta, va conservata in una scatola tenuta in luogo sicuro. Le tradizioni e le leggende antiche sono piene di racconti in cui compaiono corde annodate come segno di prodigiosi strumenti magici, rigogliose riserve di potere.

Quando si ha a che fare con poteri naturali, come quelli legati al vento o alla pioggia, si deve sempre operare con tre nodi (meglio ancora, secondo tre serie di nove nodi ciascuna). Per esempio: un nodo, per suscitare una lieve brezza, due per sollevare un vento moderato, tre per scatenare una tempesta.

Ogni atto magico, ricordate deve essere fatto con intento chiaro e sempre si devono produrre delle parole magiche adatte alla situazione e alla occasione.

Un semplice metodo per curare un raffreddore o qualche lieve indisposizione consiste in questo: il mago «compera» il male dall’ammalato per una cifra simbolica, quindi con un nodo lo «lega» a una corda.

Alla fine appende la corda annodata a un cespuglio oppure la sotterra in un luogo in cui gli agenti naturali la possano facilmente deteriorare e assorbire.

E’ utile avere con se un talismano carico per fare questa operazione.

Mahan Priti Anna

I miei seminari, consulenze personali, corsi, sono a contributo libero, per saperne di più scrivi a questa mail : bluscorpionavallone@gmail.com

Categorie
rituali - sciamanesimo

Purificazione attraverso il fuoco

La maggior parte dei rituali del fuoco si svolgono all’aperto, sebbene sia possibile invocare lo spirito del fuoco semplicemente accendendo una candela e aprendosi alle sue energie. L’intenzione è tutto, in questo come in tutti i rituali; senza di esso non succederà nulla.

Ci sono varie intenzioni che potresti voler considerare in questo contesto. Il fuoco purifica; in modo che se sei turbato nella mente o nello spirito e desideri liberarti di pensieri o idee indesiderate, o apportare nuovi cambiamenti nella tua vita, potresti scoprire che accendere un fuoco e lasciarlo bruciare è un buon passo da fare .

DARE AL FUOCO
Considera cosa vuoi mettere nel fuoco per essere bruciato o cambiato: cosa è vecchio, rotto e impraticabile nella tua vita? Puoi fare un elenco di cose che vorresti rilasciare al fuoco su un pezzo di carta, oppure puoi creare un oggetto che rappresenta ciò che stai dando al fuoco. Fallo il più attentamente possibile, come se stessi facendo un’offerta o un regalo. La tua lista o oggetto rappresenta un contratto tra te e lo spirito della vita: quando lasci andare qualcosa, arriva qualcosa di nuovo. È bene digiunare per almeno mezza giornata prima di questo rituale.

Accendi il tuo fuoco con cura, come se stessi creando un luogo in cui lo Spirito possa abitare: accendi il fuoco dicendo

‘Accendo questa fiamma in nome della vita e della luce

Chiamo in questo luogo lo spirito del fuoco e l’energia della fiamma

Per benedire e purificare il mio spirito

E per prendere via tutte le cose indesiderate che

Non sono più necessari. “

Quando sei pronto, metti la tua lista nel fuoco, osservando come la carta diventa prima rossa, poi nera, e le scintille volano in aria. Lascia che i tuoi pensieri o sentimenti negativi volino con loro, lasciandoti purificato. Se lo desideri, mentre il fuoco brucia, potresti girarlo lentamente, fermandoti in ciascuna delle direzioni per chiedere rinnovata energia o nuove opportunità di crescita e cambiamento. In ciascuno dei punti cardinali voltati verso l’esterno e dì:

‘Invito gli spiriti della [direzione] a portarmi forza / pace / luce / energia / saggezza.

Alla presenza degli spiriti di questo fuoco chiedo queste cose,

e testimoniare la loro verità. “

Passa un po ‘di tempo seduto accanto al fuoco e osservalo mentre brucia. Molte persone in tutto il mondo indovinano il futuro guardando le braci nel cuore di un fuoco, osservando le forme e i messaggi che contengono, e questo funziona ancora bene oggi.

Se non hai accesso a un luogo esterno, puoi posizionare una candela verticale in un supporto all’interno di una ciotola di ceramica metallica o ignifuga e preparare il tuo rituale allo stesso modo.

Mahan Priti Anna


I miei seiminari, corsi, consulenze personali, sono a contributo volontario. Per contatti:

Categorie
ringraziamento alle guide

Gli alleati e le guide spirituali

Non è sempre necessario fare un viaggio per avere un contatto con gli alleati e le guide, ma con loro devi avere un rapporto continuativo. per esempio potresti adottare questo piccolo rituale che ti consente di portare nella tua vita quotidiana, la connessione che hai operato con l’altro mondo.

Per ogni alleato o guida, con cui senti appartenenza seleziona una pietra, non deve essere una pietra preziosa necessariamente, ma una pietra di un fiume o di una montagna, fai un cerchio con queste pietre, per ognuno di esse, ringrazia e benedici, e infondi gratitudine, puoi usare queste parole :

“‘Caro (alleato), mi hai dato così tanto. Ti ringrazio per la tua saggezza e il tuo sostegno. Ho messo questa pietra qui per te.

Concentrarti su una pietra per ogni sessione, finché non avrai onorato tutti i tuoi alleati. Infine, posiziona una pietra nel mezzo per rappresentare te stesso, dicendo:

‘Cari alleati, metto qui questa pietra per rappresentarmi. Ovunque mi trovi, il tuo aiuto mi guida. Grazie.’

Se puoi, lascia il cerchio di pietre sul tuo altare. Quando hai bisogno del consiglio, siediti di nuovo nel cerchio di pietre e prega per l’aiuto di cui hai bisogno. Ecco una possibile formula per la preghiera:

‘Cari alleati, oggi sto vivendo [la situazione per la quale volete aiuto]. Per favore siediti con me e aiutami. ‘

Di nuovo, entra in comunione con ogni pietra, permettendo a ogni alleato di parlare. Potresti sperimentarlo come una sensazione o una percezione. Prendi ogni pietra a turno e fai lo stesso. Siediti con la tua pietra per finire e ringraziare. Sii semplicemente consapevole del loro supporto.

Nei giorni successivi, presta attenzione ai sogni, alle parole che usano gli altri, concentrati sulle percezioni che si trovano al di sotto della consapevolezza ordinaria. Arriveranno tutte le risposte

Se ti senti triste, dubbioso o confuso, ricorda che il cerchio di pietre è il tuo gran consiglio; sii consapevole della tua pietra seduta con loro. Sii consapevole dell’aiuto che ti sta arrivando.

Mahan Priti Anna


I miei seminari le mie sessioni individuali sono tutte a contributo volontario. Se vuoi partecipare contattami:

Categorie
Senza categoria

Trasformare la negatività


Se dovessi percepire la presenza di entità discordanti nel tuo ambiente, pratica questo esercizio:


Piega i gomiti e solleva le mani, i palmi verso l’esterno al livello del petto. Fai un respiro profondo, quindi emetti il ​​suono universale “OM” in un canto prolungato: “O-OO–
O-M-M-M. “

Ripeti fino a quando non sei in grado di sentire l’energia come un formicolio nel palmo delle mani. Quando ti senti positivo, porta i tuoi palmi l’uno verso l’altro fino a sentire il mana, la forza vitale, come una “sostanza” palpabile, tra di loro. Concentrati su questa energia.
Visualizza l’energia che si muove verso l’alto dai palmi delle mani e dalle tue dita. Senti che si muove su per le tue braccia, alle tue spalle, al collo, al viso. Guarda l’energia che alimenta nuova vita, nuovo mana, il tuo intero essere fisico.


Pronuncia ancora una volta il suono universale di “OM”. Visualizza la tua guida totem che si unisce a te, in piedi accanto a te per offrirti forza e protezione. Con l’energia che si aggiunge del tuo aiuto spirituale, vedi questa energia che sale fino alla sommità della tua testa, poi percepisci scintille di luce dorata, come se tu fossi avvolto dall’effusione discendente di un cero.


Imprimi nella tua coscienza che quelle “scintille” rappresentano nuova energia positiva che sta scendendo intorno a te al tuo corpo fisico e al tuo spirito per formare uno scudo protettivo vitale contro entità discordanti e dirompenti.

Mahan Priti Anna

Categorie
Senza categoria

Rituale per bruciare il dolore e i ricordi del passato

Attrezzati con una grande pentola o una ciotola ignifuga, delle  pinze lunghe.  Brucia all’esterno, osservando le limitazioni del fuoco e tenendo il fuoco lontano da tutto ciò che può essere pericoloso.

Non bruciare mai nella foga del momento! Fallo in un momento calmo, riflessivo e ponderato sarà molto più potente ed efficace. Inizia trovando immagini, lettere o altro materiale relativo alla situazione.  Non bruciare nulla per dispetto.  Ad esempio, vecchie fotografie o lettere, vecchi ritagli di giornale o pubblicità: tutto ciò che ti emoziona e che puoi permetterti di mandare in fiamme. Se non hai immagini o materiale, siediti e scrivi una lettera alla persona o alle persone coinvolte, o un riassunto di ciò che è andato storto e di ciò che desideri lasciare andare.

Puoi bruciare da solo o puoi farlo con amici o persone care. Scegli ciò che è più appropriato per te.

Siediti davanti alla tua pentola o allo spazio in fiamme, tieni le immagini / le carte tra le mani e parla dal cuore di ciò che questo rappresenta per te e del perché devi lasciarlo andare. Termina con le parole ti rilascio. Ho finito.

Poi brucia e lascia che si incenerisca! Senti le fiamme divorare e trasformare quella vecchia energia nel nulla. Lascialo andare tutto. Ecco perché questo rituale fa fatto all’aperto, dove la vecchia energia può disperdersi e essere diffusa nel vento. 

Onora ogni emozione che ti viene in mente, ma consenti al rituale di darti un senso di finalità. Quando è sufficientemente raffreddato, puoi sotterrare la cenere o lasciarla al vento. Festeggia la fine del rituale con una bevanda o del cibo. Concediti del tempo di riflessione, per riconoscere che hai chiuso con quella parte della tua vita.

Bruciando il passato, ti lasci libero di rivendicare un futuro più luminoso.

Mahan Anna

Categorie
Senza categoria

Libanomanzia

ho trovato queste linee guida in rete, ma le ho integrate e corrette, buona lettura

La Libanomanzia (https://it.wikipedia.org/wiki/Libanomanzia) è un’arte divinatoria praticata nei millenni che associa dei significati esoterici alle fumigazioni, osservando la direzione e la forma del fumo, questa arte ci permette di capire se le nostre attività e desideri avranno fortuna

Questa sotto è una guida semplice, ma efficace, ricordiamo che il valore di ogni cosa si arricchisce quando la pratichiamo e la conosciamo attraverso le esperienze personali

Accendiamo un incenso ed esprimiamo il desiderio

Se il fumo va dritto in alto – il desiderio si avvererà rapidamente.

Se il fumo va a sinistra – ci saranno persone ed eventi che ci aiuteranno ad esaudirlo

Se il fumo va a destra – otterremo il successo con le nostre proprie forze

Quando gli incensi fanno le spirali, significa che le energie stanno tentando di aprire dei varchi

Quando il fumo dell’incenso si sposta verso di noi, è necessario riaffermare il desiderio nuovamente con altre parole ed in modo più chiaro

Quando si formano dei cerchi – significa che è un momento in cui la nostra espanzione può condurci a grandi avanzamenti, ma significa anche che bisognerà lavorare di più per ottenere il desiderio

Quando il fumo si manifesta similmente a delle piccole nuvole – significa che il tuo è un desiderio concreto e forte e che le tue idee si realizzeranno con successo

Quando il fumo si sposta verso nord nel senso opposto alla tua persona, significa che ci vorrà del tempo prima che il desiderio si compia

Se l’incenso si spegne e si riaccende significa che sarà molto difficile che il desiderio si manifesti in quei termini.

Quando permettiamo al sistema che ci governa alle idee mainstream di intralciare le nostre strade e la nostra vita quotidiana lasciamo che tutto si spogli della sua sacralità, quando siamo in questi momenti, le cose essenziali alla nostra anima, il gioco, l’esperienza personale, e tutto il nostro sentire assomigliano di più ad un calcolatore elettronico o ad un generatore automatico di pensieri. forse può sembrare semplicistico o anche senza senso guardare il fumo dell’incenso, ma non ti sei fatto mai stregare dal fumo di una candela o di un fuoco che sta diventando brace?

Mahan Priti

Categorie
Senza categoria

I bagni spirituali

L’impiego di bagni ed abluzioni rituali affonda il suo impiego nella notte dei tempi. Molte persone li associano, erroneamente, ai normali bagni di igiene personale, in realtà i bagni spirituali non lo sono, agiscono più sul piano eterico che su quello fisico, pur avendo spesso profumi gradevoli, pertanto vanno eseguiti separatamente dalla normale pulizia del corpo. Eventualmente potranno essere associati ad una saponetta esoterica appropriata.

Esistono diverse tipologie di bagno:

– purificazione/scarico

– carica/equilibrio

– dedicati: ad un santo o ad una entità specifica

I bagni atti ad eliminare qualcosa si eseguono normalmente in fase lunare calante, quelli di carica  ed equilibrio in luna crescente, lo stesso vale per i bagni dedicati.

I bagni dedicati ad un’entità o ad un santo si eseguono nel giorno consacrato a quell’entità specifica, gli altri bagni si eseguono normalmente di martedì o di venerdì.

Prima di eseguire un bagno è fondamentale accendere una candela bianca dedicata al proprio angelo custode, questa andrà posta in un posto più alto della propria testa, a lato della candela si deve mettere un bicchiere con acqua.

I bagni si versano di norma dal collo in giù, non si deve mai bagnare la testa, salvo bagni specifici.

Si possono utilizzare delle erbe aromatiche che rafforzano o consolidano la nostra volontà, è come togliersi un vestito ed entrare in un’altra dimensione.

Ricerca la tua vera essenza, attraverso qualsiasi rituale che ti metta in relazione, con la tua parte più profonda, che per esprimersi pienamente deve essere corteggiata e curata, ecco attraverso il bagno spirituale, puoi entrare in contatto, con un ricordo o con una sensazione, che ti ricollega alla tua anima selvaggia e naturale. Il bagno rituale ti spoglia dei preconcetti e dei pregiudizi e ti rende incantevolmente bella e nuova.

Mahan Priti


tutti i miei trattamenti di cura , sessioni e seminari sono ad offerta libera contattami alla mia mail bluscorpionavallone@gmail.com – o attraverso messaggi

Categorie
Senza categoria

21 RITUALI AL GIORNO

Dal libro di Theresa Cheung

qui sotto un riassunto della sua proposta di introdurre nella vita dei rituali, 7 per ogni fase del giorno, mattino, pomeriggio e sera. L’idea di fondo mi sembra azzeccata perchè mette in chiaro anche senza prendere una posizione netta che pensare positivo, non ha un effetto nella vita delle persone, se questo pensiero non viene accompagnato anche da azioni, positive, così, consiglia di adottare degli schemi per 21 giorni, ribadendo a più riprese che non si deve trattare di nuove abitudini ma di momenti di consapevolezza, ritualizzati, attraverso i quali attuare una danza con la propria essenza (ndr) di seguito l’elenco dei rituali

Rituale #1: Alzati prima

Rituale #2: Stirati bene invece di allungare la mano per prendere il cellulare

Rituale #3: Poniti una semplice domanda

Rituale #4: Respira

Rituale #5: Sorridi allo specchio

Rituale #6: Visualizza la linea del traguardo

Rituale #7: Ascolta la tua canzone

Rituale che cambia la vita #8: Riordina una cosa

Rituale che cambia la vita #9: Riempi la tua tazza

Rituale che cambia la vita #10: Lascia andare

Rituale che cambia la vita #11: Di’ una piccola preghiera

Rituale che cambia la vita #12: Illumina qualcuno

Rituale che cambia la vita #13: Ascolta, e ascolta davvero

Rituale che cambia la vita #14: Qui e ora

Rituale che cambia la vita #15: Un momento di solitudine

Rituale che cambia la vita #16: Rendi grazie prima di cena

Rituale che cambia la vita #17: Tieni un diario

Rituale che cambia la vita #18: Scattati un selfie

Rituale che cambia la vita #19: Ripeti dopo di me

Rituale che cambia la vita #20: Visualizza il domani

Rituale che cambia la vita #21: Ringrazia

La Cheung nel suo libro spiega dettagliatamente ogni rituale, ma consiglia anche di personalizzare ognuno di questi facendone degli atti che si muovono dalla nostra essenza.


Molti di questi gesti credo, fanno già parte della vita di alcuni di noi, potremmo comunque usare questo schema come un memorandum. Sono finiti i tempi in cui ci affidavamo ciecamente dell’esperienza di altre persone, senza provare a costruire la nostra propria esperienza, teniamo presente, solo quello che dentro di noi risuona e ci fa muovere verso una direzione di consapevolezza e determinazione

p.s #ripeti dopo di me : intende ripetere affermazioni positive. Quella del selfie, per me risulta incomprensibile 😑

Mahan Priti