Categorie
rituali

Rituale di primavera

I rituali ti mettono in contatto con il tuo tempo interiore, quel tempo di calma e riappacificazione, mentre fai le azioni ritualistiche, ricorda che stai onorando te stessa insieme alla grandezza dell’Universo, che ha generato ogni cosa.

Se il tempo lo consente fai questo rituale all’aperto, anche fuori al tuo terrazzo, altrimenti, mettiti in un luogo in cui riesci ad avere la luce diretta del sole.

Comincia col fabbricare un altare per l’occasione, per la sua costruzione, usa tutta la tua immaginazione, meravigliati degli oggetti che deciderai di usare, e lasciati guidare, non dimenticare che devi onorare gli elementi, dunque non dovrebbero mancare acqua, fiori piante, candele, incenso, se puoi porta uno strumento da suonare, anche solo un campanello. Chiedi il permesso di aprire questo spazio sacro, e appena senti la sensazione di Sì, ringrazia i tuoi antenati, le guide, tutti gli elementi e chiedi loro di proteggerti e guidarti.

La primavera ha a che fare con la germinazione e la nascita, anche i tuoi sogni e le tue speranze, possono ricaricarsi di questa energia, quindi scrivili e pronunciali ad alta voce.

Ti sarai anche procurata dei semi o bulbi che saranno un remind per i tuoi sogni, piantali durante questa cerimonia, e offrili con tutta la leggerezza di cuore di cui sei capace, e ogni volta che li innaffierai, ritorna in contatto con i tuoi sogni.

Concludi questo rituale con una meditazione sul cuore, e sull’espansione, mantieni le vibrazioni alte e pure. Chiudi lo spazio ringraziando.

Quando avrai finito celebra il giorno con un dolce, con tante risate con gli amici, con del tè, o del vino, mangia pane dolce e uova sode, sii nella dimensione del sole nascente, cerca di onorare la primavera, onorando la tua bambina interiore, permettiti cose fuori dagli schemi, scrivi e sogna.

Mahan Priti Anna

se hai bisogno di chiarimenti scrivi a questa mail bluscorpionavallone@gmail.com

Categorie
Senza categoria

Quando la discordia o il male è diretto verso di te


Se ti dovessi trovare in una situazione in cui percepisci discordia o malvagità diretta verso di te e sei in un ambiente affollato procedi come segue:


Togli il cristallo dalla borsa di medicina (ogni sciamano ha la sua borsa sempre con sè) e mettilo nella tua mano sinistra.


Incrocia le braccia sul plesso solare

Unisci le ginocchia o i piedi. Se sei seduto, incrocia le tue gambe. (Le azioni di cui sopra simboleggiano immediatamente che non sei ricettivo alla discordia.)

Visualizza il tuo spirito aiutante nel mezzo di un cerchio di fiamme blu che discendono dal Grande Mistero e posizionalo tra te e la persona o la condizione che ti affligge con vibrazioni negative

Un’azione così immediata può bloccare l’energia viziosa che è diretto su di te. Inoltre, fai respiri abbastanza brevi per un po ‘, inspirando superficialmente, ma espirando con una certa forza.


Questa procedura non dovrebbe essere praticata troppo a lungo, ma per il tempo necessario ad esprimere la tua decisione di non respirare nemmeno la negatività che è stata trasmessa nella tua direzione.


Mahan Priti Anna

accogli e restituisci per non sentire troppo il peso della responsabilità

Categorie
Senza categoria

Invocare lo spirito aiutante per bandire il male

Per questo esercizio serve uno cristallo con il quale evocare la guida totem per aiutarti a scacciare il male. in pratica bisogna focalizzare la luce viola che è adatta alla trasformazione, attraverso il tuo cristallo.

Il tuo aiutante spirituale può bandire ogni negatività dalla tua vita attraverso la luce viola, che a livello vibratorio ha la qualità più alta: invita la tua guida totem a focalizzare una luce viola per bilanciare la negatività che potresti aver seminato o quella che potresti esserti diretto contro. pratica questo esercizio ogni giorno per comprenderlo pienamente e farne tesoro, così da eliminare la negatività e la paura dalla tua vita.

Tieni il cristallo nella mano sinistra e chiama il tuo aiutante spirituale e focalizza l’energia della luce viola attraverso il cristallo e permetti il potere di connettere la tua coscienza al tuo sé superiore. Senti la luce viola che si muove su di te in un’ondata di calore. Guardala toccare ogni parte del tuo corpo. Senti che interagisce con ogni cellula.


Ora dì internamente o esternamente alla tua guida totem: “Amata guida, aiutami a invocare le più alte energie dal Grande mistero. Attiva il mio sé più elevato per canalizzare direttamente all’Unità. Permetti alla luce viola di muoversi intorno e attraverso di me.
Consenti all’energia trasmutatrice del Grande Mistero di elevare tutto desideri impuri, concetti errati, tutta la rabbia, tutto il male, tutte le paure. Mantieni la luce del Grande Mistero splendente dentro di me. Sostituisci tutte le vibrazioni negative, caotiche, paurose intorno a me e dentro di me con la pura energia, il potere della realizzazione del Grande Mistero “.

Mahan Priti Anna

addestrati ad essere solo te stesso

Categorie
Senza categoria

Rituale per ringraziare gli spiriti


Se riconosci la chiamata degli spiriti, il modo migliore per prepararti a coltivare la tua relazione con loro è ringraziare gli spiriti in modo rituale.

Ecco un semplice rituale che devi eseguire in luogo in sui sai di non essere disturbato. Ti connetti con il sacro in un modo speciale. Se ci sono oggetti di potere o altre cose che hanno un significato spirituale per te, portali con te per questo rituale. Da questo momento in poi, prendi l’abitudine di avere determinati oggetti di potere che tiri fuori solo quando interagisci con i tuoi spiriti aiutanti sciamanici o fai un lavoro sciamanico.

Materiali necessari per il rituale:


Smudge (salvia o ginepro i migliori)

bastoncini di incenso (il legno di sandalo è particolarmente buono)

Posiziona i tuoi oggetti sacri davanti a te, preferibilmente su un panno rosso o celeste (usa questo panno come involucro per i tuoi oggetti sacri quando non li usi). Prendi lo smudge e accendilo; agita il fumo sacro sulla sommità della tua testa, del tuo viso e del tuo petto; poi passalo intorno al tuo corpo tre volte. Puoi scegliere di spegnerlo o lasciarlo acceso durante questo esercizio. Il fumo sacro purifica il tuo corpo spirituale e aumenta la sua energia, ponendo così le basi per il lavoro sciamanico. Puoi riconosce una sensazione di eccitamento quando cominci a fare questo lavoro.

Accendi tre bastoncini di incenso, tienili davanti a te per un momento e concentrati sulle braci ardenti. Agita i bastoncini tre volte al Padre Celeste, tre volte alla Madre Terra, poi tre volte in ciascuna delle quattro direzioni, iniziando da nord e girando in senso solare (in senso orario). Quindi agita i bastoncini intorno agli antenati, agli spiriti della natura, agli spiriti degli animali e a tutti gli altri spiriti. Metti i bastoncini in un supporto e lasciali bruciare durante il rituale.

Farai quindi un’invocazione. Eccone uno che faccio normalmente quando ringrazio gli spiriti

Padre Cielo, Madre Terra,

Spiriti degli antenati,

Tenger delle quattro direzioni,

Spiriti

Spiriti della natura delle montagne, delle acque e delle foreste,

Spiriti di tutti gli animali,

Vi onoro e Vi ringrazio!

Per favore vegliate su di me

Per favore aiutami, hurai, hurai, hurai!

Tu che stai davanti a me e dietro di me,

Alla mia destra e alla mia sinistra,

Sopra di me e sotto di me, hurai, hurai, hurai!

Che mi segui come uno stormo di uccelli,

Tu che mi hai chiamato per essere uno sciamano

Metti la visione nei miei occhi, le parole nella mia bocca,

Dammi il potere di diventare uno sciamano, hurai, hurai, hurai!

Om maahan, om maahan, om maahan!

Manggalam.

Le parole straniere che vedete in questa invocazione sono parole di potere usate dagli sciamani. Sono stati usati da tempo immemorabile perché sono noti per conferire potere a qualunque intenzione venga dichiarata. Hurai è accompagnato dal gesto di muovere la mano destra in un cerchio.

Una volta effettuata l’invocazione, medita, concentrandoti sulle braci ardenti dell’incenso. Il fuoco è sacro nella tradizione sciamanica, poiché rappresenta il centro di tutte le cose e l’origine del potere degli sciamani. Immagina di essere seduto nella foresta accanto a un incendio. Annusa la fragranza del fumo. Immagina di essere un novizio sciamanico, che visita la foresta per entrare in contatto con i tuoi spiriti e acquisire potere. Concentra la tua intenzione di raggiungere gli spiriti che ti hanno chiamato e di chiedere loro di venire e lavorare con te da questo giorno in poi.

Anche se non ricevi alcuna comunicazione diretta da loro o vedi una loro manifestazione in questo esercizio iniziale, li avrai comunque attirati a te e inizieranno a rivelarsi ora che hai espresso il desiderio di seguire il sentiero che intendono per te. Se la tua invocazione si traduce in una manifestazione o in qualche tipo di contatto, segui l’esperienza e accogliila con meraviglia. Se ne hai voglia, scrivi una descrizione delle tue esperienze dopo aver finito. Ora inizieranno le tue interazioni con i tuoi spiriti aiutanti sciamanici, ed è da qui che inizi a diventare uno sciamano.

Ho deciso di pubblicare questo rituale, ma devo avvertire che ogni cosa, va fatta con consapevolezza e partecipazione, quindi vi prego di non fare questo rituale solo per gioco, e in un’ultima analisi fatti accompagnare da chi ne sa più di te.

la benedizione dei padri e delle madri ci incoraggi sempre

Mahan Priti Anna

Categorie
Senza categoria

Rituale per bruciare il dolore e i ricordi del passato

Attrezzati con una grande pentola o una ciotola ignifuga, delle  pinze lunghe.  Brucia all’esterno, osservando le limitazioni del fuoco e tenendo il fuoco lontano da tutto ciò che può essere pericoloso.

Non bruciare mai nella foga del momento! Fallo in un momento calmo, riflessivo e ponderato sarà molto più potente ed efficace. Inizia trovando immagini, lettere o altro materiale relativo alla situazione.  Non bruciare nulla per dispetto.  Ad esempio, vecchie fotografie o lettere, vecchi ritagli di giornale o pubblicità: tutto ciò che ti emoziona e che puoi permetterti di mandare in fiamme. Se non hai immagini o materiale, siediti e scrivi una lettera alla persona o alle persone coinvolte, o un riassunto di ciò che è andato storto e di ciò che desideri lasciare andare.

Puoi bruciare da solo o puoi farlo con amici o persone care. Scegli ciò che è più appropriato per te.

Siediti davanti alla tua pentola o allo spazio in fiamme, tieni le immagini / le carte tra le mani e parla dal cuore di ciò che questo rappresenta per te e del perché devi lasciarlo andare. Termina con le parole ti rilascio. Ho finito.

Poi brucia e lascia che si incenerisca! Senti le fiamme divorare e trasformare quella vecchia energia nel nulla. Lascialo andare tutto. Ecco perché questo rituale fa fatto all’aperto, dove la vecchia energia può disperdersi e essere diffusa nel vento. 

Onora ogni emozione che ti viene in mente, ma consenti al rituale di darti un senso di finalità. Quando è sufficientemente raffreddato, puoi sotterrare la cenere o lasciarla al vento. Festeggia la fine del rituale con una bevanda o del cibo. Concediti del tempo di riflessione, per riconoscere che hai chiuso con quella parte della tua vita.

Bruciando il passato, ti lasci libero di rivendicare un futuro più luminoso.

Mahan Anna