Categorie
Senza categoria

Sugli animali guida

Quale è il ruolo che questi straordinari modelli naturali svolgono da sempre nelle complesse vicende dell’umanità.

Nonostante il forte desiderio di vivere questa esperienza, la mente di alcuni di noi, prigioniera del pensiero logico, stenta a superare i dubbi e i timori sulla concretezza dell’arricchimento spirituale dell’uomo nello scambio comunicativo con l’animale e quindi sull’utilità della relazione.

Vengono così elaborate delle barriere difensive che prendono la forma di interrogativi.

Com’è possibile pensare che le finalità della presenza animale accanto a noi siano quelle di arricchire la nostra vita, e come possiamo trovare dei concetti che riassumano il vero significato della condivisione di valori propri di un unico regno animale, dove la presenza e l’azione di un gruppo influenza l’evolversi dell’esistenza degli altri?

Se anche così fosse, come riusciremo a percepire le intenzioni dell’animale che ha scelto di avvicinarsi a noi? Come percepiremo i suoi messaggi: in qualche luogo del corpo, della mente?

Come riusciremo a comprenderne il senso, noi abituati al linguaggio della parola?

Per capire, prima d’ogni altra cosa, le ragioni che spingono gli animali a legarsi noi, mi rifaccio al nucleo dei pensieri dell’analista e studioso junghiano Neil Russack: “…gli animali ci contattano per attivare la nostra immaginazione e per metterci in collegamento con il regno dei miti.

Sono i messaggeri delle deità del cielo e della terra. Sono coloro che superano le barriere per portare la loro presenza terapeutica all’interno delle nostre vite. Instaurando con loro un rapporto intimo, possiamo cogliere ciò che essi posseggono:

la vitalità, il piacere, il legame indissolubile con le forme elementari della materia che ci supportano e ci rinnovano”.

Gli animali ci dicono che, facendo nostra, in modo totale, la loro natura, ci apriamo alla loro saggezza, che ci invita ad accettare, serenamente e con gioia, e come unica possibile, la vita animale nella sua forma umana.

La loro presenza in noi è terapeutica per la psiche, ma, come vedremo, anche per l’anima, perché gli animali partecipano con la loro anima alle nostre difficoltà e desiderano aiutare i nostri tentativi di trasformazione, di cui spesso non siamo consapevoli.

Dando ascolto a quello che gli animali ci suggeriscono, possiamo riscoprire il passato e sviluppare un rapporto più fiducioso, perché più intuitivo, creativo e spontaneo, verso le scelte e le decisioni che la vita ci costringe a prendere. La nostra consapevolezza della connessione interiore con gli animali, il modo in cui li accogliamo nei corpi e nelle nostre anime, ci fortificherà con un’energia rinnovata, illuminata da un coraggio istintuale.

Tra l’animale e l’uomo ci sarà sempre uno scambievole flusso di doni, che coinvolgerà la loro anima e la nostra, perché tra loro esiste quel legame originario indistruttibile, fissato – come afferma Rupert Scheldrake – “da un campo quantistico facente parte del progetto olistico della Natura”.

tratto dal libro : Gli animali guida nostri custodi e maestri

Mahan Anna

Di Mahan Priti Anna

Mahan Priti Anna, e sono una insegnante di yoga e meditazione, una curandera, una praticante sciamana, una studiosa e ricercatrice di esoterismo da oltre 30 anni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...