Categorie
Senza categoria

I sogni nelle pratiche di guarigione dei curanderi Totonac

Nel nostro gruppo Whatsapp stiamo affrontando l’argomento sogni, di seguito ho tradotto non perfettamente (me ne scuso) un articolo della Gazzetta di Antropologia Messicana del 2006, che si occupa attraverso 16 interviste di portare alla luce i metodi che questi meravigliosi curanderos adottano. Seguo alcune di queste pratiche da tempo e mi sento molto vicina a questo tipo di interpretazione, mi auguro che anche voi troviate spunti per continuare la ricerca.

Buona lettura

introduzione 

Avvicinarsi allo studio dei sogni nelle culture concepite come tradizionali richiede un lavoro interdisciplinare che corrisponda a psicologia, antropologia, sociologia e psicoanalisi. Tedlock (1992) spiega che non solo sta sognando un universale umano, ma l’interpretazione dei sogni è un universale culturale. Nelle parole di Perrin (1990), il sogno rivela l’unità dello spirito umano e la diversità degli universi culturali. 

In queste culture tradizionali ci sono specialisti nell’interpretazione dei sogni, che ricevono messaggi dal mondo delle divinità e dei morti. Questi uomini e donne di conoscenza, di solito ricevono il segnale iniziatico o l’apprendimento della loro professione attraverso la via dei sogni. In pratica, possono anche avere premonizioni di pazienti che verranno a consultarli o segni che riguardano non solo il destino individuale, ma quello di un intero popolo.

All’interno delle società mesoamericane questa non fa eccezione, così che dai primi documenti coloniali ci sono riferimenti all’interpretazione dei sogni fatti dagli indigeni. Durán riferisce che Moctezuma “gli ordinò di essere cercato da tutti gli stregoni e incantatori e stregoni che potevano trovare nelle loro città e che avrebbero dovuto imparare come la loro volontà era di conoscere alcune meraviglie, previsioni o indovinelli, comprese o conosciute dalle stelle, da acqua o fuoco, o per via aerea, o per fortuna, o con qualsiasi mezzo e scienza avessero, e principalmente con sogni e visioni “(Garza 1990). 

López Austin (1967) racconta che lo specialista dei sogni era il temiquiximati, temicnamictiani “il conoscitore dei sogni”, “l’interprete dei sogni”, per il quale avevano libri chiamati temicámatl.

La sua importanza persistette durante l’era coloniale, nonostante i tentativi degli evangelizzatori di sopprimere questa pratica. Aguirre Beltrán (1963) menziona che all’interno delle procedure diagnostiche e prognostiche dell’uomo di medicina coloniale, l’interpretazione dei sogni era una delle più importanti, che a suo avviso rivela l’influenza delle idee della medicina indigena. Per questo, la veglia e il sonno si verificano sullo stesso piano naturale, formando una continuità. “Entrambe le percezioni sono raggiunte in diversi momenti dell’essere, ma entrambe sono vere. Le percezioni raggiunte nel sogno aggiungono all’esperienza oggettiva i dati di quella parte del mondo, l’invisibile e l’intangibile, che possono essere ottenuti solo dall’esperienza mistica” ( p.181). Il guaritore coloniale, oltre ai sogni spontanei,ololiuhqui ( Turbina corymbosa ), teonanacatl ( Psilocybe aztecorum , Psilocybe mexicana) e peyote ( Lophophora williamsii ).

All’interno del popolo Totonac, esiste attualmente l’arte dell’interpretazione dei sogni, e gli esperti sono i medici tradizionali Totonac, che possono sapere nei loro sogni chi verrà a visitarli, quale malattia avranno o quali piante troveranno nella boscaglia per curare le loro malattie. che affliggono i loro pazienti. L’obiettivo di questo lavoro è avvicinarsi al modo in cui i guaritori Totonac interpretano i propri sogni e quelli dei loro pazienti per legittimarsi come guaritori esperti all’interno di una cultura che richiede intuizione e conoscenza empirica. 
 

Approccio metodologico teorico

L’asse teorico da cui partiamo è la psicologia culturale proposta dalla prospettiva di Richard Shweder (1990, 1996, 2000), che è lo studio del modo in cui le tradizioni culturali regolano, esprimono e trasformano la psiche umana, stabilendo una relazione dialettica e dinamica tra mente e cultura. Questo approccio ci ha permesso di contestualizzare l’essere umano nel suo ambiente socioculturale. In questo modo, il sogno smette di essere visto come un fenomeno psichico individuale per inserirsi nella dimensione socioculturale da cui proviene e da cui viene interpretato.

Shweder (1990) commenta che la psicologia culturale è una disciplina interpretativa nel senso proposto da Geertz (1997), per il quale l’analisi della cultura deve essere una scienza interpretativa alla ricerca di significati enigmatici sulla sua superficie. Di conseguenza, riteniamo necessario partire da una base che ci consenta di ottenere un approccio più vicino ai significati e alle interpretazioni che questi esperti danno sia alla loro esperienza medica in generale, sia al ruolo dei sogni al suo interno. A tal fine effettuiamo osservazioni e interviste mirate.

Il lavoro sul campo viene svolto all’interno del comune di Papantla de Olarte, Veracruz, in Messico; tra dicembre 2001 e gennaio 2002, nell’aprile 2002; e in maggio e giugno di quest’anno. In questo lavoro si includono le interviste realizzate con sedici medici tradizionali, nove di loro sono parte del Akgskgoyonó Associazione Civile dei Guaritori (più chiaro), sei per l’Organizzazione degli Indigeni Physicians Kuchinanin Matakustunanin (i guaritori dei Milpas), e un guaritore recieving che funziona in modo indipendente. Abbiamo intervistato cinque guaritori; sei ostetriche di curanderas; tre guaritori in preghiera; un guaritore spirituale e un bonesetter.

I guaritori sono quegli uomini e donne che sanno di cosa è afflitta una persona; o semplicemente guardandolo o usando diverse forme di diagnosi come leggere l’uovo (illuminazione) o le carte dei tarocchi; il suo trattamento è di natura psico-religiosa, combinando preghiera, spazzamento con erbe, erboristeria, rituali tematici e altri rituali di guarigione. 

Le ostetriche sono donne che si dedicano principalmente al trattamento di problemi gineco-ostetrici. Si prendono cura delle donne durante la gravidanza e quando partoriscono, hanno il compito di curare l’ombelico del bambino e garantire il loro benessere fisico e spirituale. Trattano anche i problemi delle donne , come difficoltà mestruali, infertilità e possono ‘ospitare’ l’utero.

Rezanderos sono esperti in preghiere e invocazioni. Sono chiamati quando qualcuno muore per le novene, quando si vela un santo nel giorno della nascita, e per eseguire un rituale per curare lo spavento noto come “levantamiento de tierra”. Si definiscono anche “cantanti”, perché le preghiere che eseguono vengono fatte cantando.

Gli aggiustaossa sono specializzate nel trattamento di condizioni muscoloscheletriche come stiramenti, distorsioni e altri disturbi muscolari. Per mezzo del tatto, questo specialista determina cosa sta affliggendo la persona, cura con diversi unguenti, come il brandy caldo, per alleviare il dolore e sgonfiare l’area interessata.

Il lavoro del guaritore spirituale ha la particolarità di richiedere l’intervento della Sacra Morte Rossa (1) per cercare di risolvere i problemi di lavoro, economici, d’amore o matrimoniali del paziente.
 

L’essere umano e i sogni 

Per comprendere il ruolo che i sogni svolgono nella vita del dottore Totonac, è importante parlare della sua concezione del sogno; perché il sogno è l’ingresso dell’anima o dello spirito in un “altro mondo” (Perrin 1995), in un mondo in cui non ci sono tempi o spazi definiti e grazie a questa condizione eterea si entra in contatto con altri spiriti. È dalla concezione del sogno che vengono create diverse possibilità per il sognatore; riguardanti sia i contenuti del sogno che le successive interpretazioni.

In un’altra opera, questo stesso autore sottolinea che questa “anima” è compresa in diverse culture in modi diversi, ma che in generale si possono trovare due tendenze: la prima concepisce l’anima come unica e abbandona il corpo fisico solo dopo la morte ; Un esempio è la posizione cristiana; La seconda tendenza concepisce l’essere umano costituito da una molteplicità di anime. In questo modo, le relazioni tra salute, malattia e morte diventano più complesse in quanto sono rappresentate da diverse società tradizionali (Perrin 1990).

All’interno della seconda posizione, si trova il pensiero mesoamericano, come propone López Austin (1980) per l’antica Nahuas (2) . In tutto il corpo umano furono distribuite tre entità psichiche, ma si concentrarono principalmente nella testa, nel cuore e nel fegato; nel primo c’era il tonalli, nel cuore lo yolía, toyolía o teyolía, e nel fegato, lo ihiyotl .

La teyolía è inseparabile dall’essere umano vivente; d’altra parte, il tonalli lascia il corpo in modo normale e anormale, e vi ritorna spontaneamente o può essere trasferito mediante procedure terapeutiche. Alcuni esseri umani emettono dannosi  ihiyotl in determinate circostanze. Le diverse funzioni psichiche delle tre entità vanno dalle più razionali nei tonalli alle più appassionate negli ihíyotl, e le più importanti sono nell’entità centrale, la teyolía . Tutti e tre devono operare in modo armonioso per tradursi in un individuo moralmente sano, mentalmente equilibrato e retto. I disturbi di uno di essi riguardano gli altri due.

Ichon (1973) spiega che per i Totonac della Sierra de Puebla e Veracruz, in Messico, ci sono due anime: la grande anima o listákna e la piccola anima o shalaktsina´listákna o likatsin. L’anima grande è il principio vitale, è un’anima multipla che si trova in tutti i punti del corpo; mentre la piccola anima si trova nella testa, è unica ed è l’inizio dell’intelligenza, della conoscenza dello spirito. È quest’anima, la likatsin, che lascia il corpo mentre la persona sogna “di fare una passeggiata, di nutrirsi, di bere la rugiada sulle foglie degli alberi”. Mentre l’altra anima, o listákna, rimane nel corpo per prendersi cura di esso.

Nel caso degli antichi nahuas, il sogno era concepito come l’uscita dei tonalli dal dormiente, così da poter comunicare con gli dei e i defunti . De la Garza (1990) commenta che i sogni per Nahuas e Maya potrebbero essere eventi o premonizioni attuali, che sono stati generalmente mostrati simbolicamente. Attualmente, Zolla et al. (1994) commentano che nelle popolazioni indigene del Messico, il sonno è causato dal distacco dell’anima che vaga per la terra, nel tempo e in luoghi abitati da divinità; motivo per cui i sogni prefigurano i prossimi eventi e sono un modo di comunicare con la divinità. 

Nel confrontare queste proposte con le storie dei dottori Totonac; Possiamo dire che nel mondo intenzionale di Totonac c’è un accordo generale sul fatto che l’esperienza del sogno è causata perché lo spirito, l’anima o l’ombra lascia il corpo del dormiente; e può entrare in contatto con le divinità, i morti e gli spiriti di altri esseri umani viventi. Nei sogni, lo spirito è al di fuori dello spazio-tempo di questo mondo, quindi può andare in paradiso, nella regione dei morti o vagare per la terra, ed essere in luoghi distanti in brevi periodi. “A volte uno sogna, luoghi distanti dove non sei mai andato, quindi, il tuo spirito naviga, in quel luogo, perché quando uno dorme, lo spirito naviga, come una barca, si sposta, verso luoghi distanti, dove non sei mai andato, ma il tuo spirito percorre chilometri in pochi secondi “(don Carlos 


I saggi dei sogni

Il tradizionale medico Totonac è ​​una persona con un dono speciale che porta dalla nascita, che gli consente di sviluppare una grande intuizione e una sensibilità speciale per rilevare ciò che il paziente ha. Questo dono, che proviene dal mondo sacro, consente a questo specialista di essere un intermediario tra questo mondo e “l’altro mondo” in cui le divinità abitano come proprietari del Monte, a volte fuse con santi cattolici come San Ramón, che è il proprietario delle piante. I dottori Totonac sono sognatori per natura, come ha espresso Don Sabino Morales:”Chi è un uomo di medicina è un sognatore, niente di più. Ecco perché ho detto che in questo non ci sono libri, colui che sarà questo lo porta da una nazione [di nascita] della mente. Nella sua testa è chiunque lo gestisca, il guaritore è così “.Questa facoltà del medico tradizionale si manifesta molte volte durante il processo di iniziazione e durante l’apprendimento di questo lavoro. Il futuro guaritore ha un sogno che rivela che deve guarire e che questa è la ragione della sua malattia. Ad esempio, Silvia, una delle guaritrici intervistate, ha fatto un sogno in cui è andata in Paradiso dove vive Dio Padre, che benedice le sue mani, dandole forza in modo da poter guarire coloro che ne hanno bisogno. Quindi lo avverte che essere un guaritore è un compito difficile, gli mostra che ci sono diversi esseri umani che richiedono il suo aiuto; infine, profetizza l’arrivo di una donna con il suo bambino a cui dovrà guarire, un evento che si verifica giorni dopo aver fatto questo sogno. 

Anche nei sogni la maggior parte degli intervistati ha ricevuto la conoscenza di come guarire: undici guaritori hanno riferito di avere sogni in cui ricevono la guida di un essere spirituale, come un santo, la Vergine o un antico guaritore o guaritore. Generalmente, l’insegnamento dei sogni inizia una volta iniziato il medico indigeno, o con una cerimonia o perché sta già guarendo; in altri casi, i sogni di iniziazione erano allo stesso tempo sogni di insegnamento. Il medico tradizionale può imparare come usare le piante, come spazzare le erbe con le persone o pulirle con le uova. 

Quando il dottore indigeno è già riconosciuto da altri dottori indigeni e dalla sua comunità, il tipo di sogni cambia; ma sono ancora importanti per il lavoro del guaritore. Successivamente, presenteremo prima i casi in cui il paziente ha un sogno e viene dal guaritore come esperto nell’interpretazione dei sogni. Più avanti discuteremo dei sogni che lo stesso dottore indigeno ha messo in relazione con diagnosi e terapia. Il lavoro del curandero ha una connotazione magico-religiosa, quindi descriveremo le esperienze dei sogni in cui vanno in luoghi sacri e parlano con esseri spirituali. Attraverso i sogni il guaritore riceve la notifica che deve eseguire la sua cerimonia di Promessa, che è un rituale di purificazione e rafforzamento del guaritore. Va notato che, in alcuni casi, 

a) Disturbi e sogni 

Sette dei guaritori ci hanno detto che i sogni che coinvolgono direttamente lo spirito, come l’ombra dei morti e la paura, si riflettono direttamente nei sogni. 

sombra de muerto

L’ombra dei morti è una condizione che possiamo comprendere come un’intrusione di energia negativa, che proviene da esseri disincarnati. Nel sogno del paziente si riflette che questa forza negativa “ha afferrato lo spirito”; allora la persona morta “ti fa sognare”. I contenuti dei sogni si riferiscono al sogno di parenti, amici o vicini che sono già morti, come ci dice la signora Rufina:”. compra la tua candela, mettila sul tuo santo, e offrila a questa anina Se non ti prendi cura di lui, si mette in mezzo, devi prenderti cura, andrai al cimitero dove si trova la sua croce se non funziona porta dei fiori “.In generale, l’anima del defunto che è stato sognato non è in pace, perché è stato lasciato qualcosa di pendente, o come narrato da Doña Rufina, perché la famiglia non lo ha onorato dopo la sua morte, poiché è una tradizione tenerlo rispetto e cura dello spirito del defunto.

L’ombra dei morti può anche manifestarsi come incubi, ad esempio ombre che cercano di danneggiare il sognatore come un caso di cui ci ha parlato Don Martín. Può darsi che questa ombra non permetta alla persona nemmeno di capire i propri sogni perché ti dà “ombra nera”, come ci ha detto don Lucio; cioè offusca i sogni.

La paura o la paura

Lo spavento, essendo una condizione che comporta la perdita dell’anima; molte volte chi soffre questo è sognato nel luogo in cui si trova il loro spirito, perché i proprietari del luogo “lo trattengono”. Puoi anche sognare la persona o l’animale responsabile della paura; o ricreare la situazione in cui si è spaventato. In tutti i casi, i sogni sono di solito ripetitivi fino a quando la persona non è curata da un medico indigeno. “Sogna perché è dentro, è in un ruscello, sogna di cadere, perché se è caduto, sogna sempre dove si trova, se è caduto, lo sogni, lo sogni fino a quando non sollevi la terra lì, cioè quando guarisci. Lo sogna perché lo spirito è lì, lo stanno martirizzando… “(Don Martín).

I sogni del curandero nella diagnosi e nella terapia

Il guaritore può avere sogni in cui viene visto svolgere un’attività di guarigione, questo è un avvertimento che un paziente arriverà, il giorno o i giorni dopo, ed è nel sogno in cui gli dicono come guarirlo. Ecco come i sogni sono modi in cui gli esseri dell ‘”altro mondo” fanno sapere al guaritore che stanno mandando le persone a guarirli. 

Don José sottolinea che i sogni sono molto belli da sapere, ti danno consigli per curare:”Ti insegnano, ti avvertono che ti prenderanno, ti porteranno da un paziente, verranno da te o ti diranno anche cosa ti fai male … Un vecchio viene a prendermi, mi trova. Un vecchio, Lo trovo che cammina, ma sto sognando. Viene a portarmi un paziente. Poco dopo arriva il paziente, che è molto malato. A volte mi fanno sognare la Vergine, con Maria. ” Doña Elba spiega che aveva dei sogni che servivano da monito per l’imminente cura di un paziente; perché i sogni “sono come avvertimenti che mi danno” che qualcuno avrà un trattamento pulito o di altro tipo. 

Doña Guadalupe Gómez sa che presto la cercheranno per partecipare a un parto o ad un altro lavoro, quando sogna quanto segue: “A volte sogno che sto preparando le mie erbe, sì, vedo che nel mio sogno, che andremo a lavorare, o sogno che la signora incinta, so che verranno a cercarmi di nuovo, verranno a cercarmi. In nessun caso, se la loro padrona sarà sollevata, verranno a cercarmi a casa mia. Quando comincerò a sognare così, so che Il mio paziente verrà a prendermi. A volte il terzo giorno. ” I sogni sono anche utili per fare la diagnosi; per esempio, Doña Guadalupe Lobato ci ha detto che un giorno ha saputo attraverso un sogno che una donna che aveva ripulito aveva “il male dei morti”; perché in questo sogno ha sentito certi spiriti maligni urlare come “dentro una pentola”. Lo interpretava come questi esseri malvagi

A volte, Doña Inés nei sogni sa cosa ha un paziente. In un’occasione, sognava che un ragazzo l’avrebbe visitata ed era molto seria, era caduta e lì aveva paura. Giorni dopo andò a consultarla; e lei gli chiese se fosse caduto, il ragazzo rispose di sì. Doña Inés sapeva allora che il ragazzo aveva bisogno di guarire dallo spavento. 

c) Sogni di esseri spirituali e luoghi sacri

Nei sogni, un medico tradizionale può visitare luoghi sacri come i paradisi, Doña Elba ci dice:”Passi dei paradisi, passi piccole scarpe, alcuni alberi, piccoli, senti che stai andando, salendo e arrivando fino a quando, dove arrivano, alcune cime degli alberi, ma molto belle, frondose, con fiori viola, fiori bianchi. So che è un paradiso , ma l’acqua arriva, come se venisse dal mare “. Gli esseri spirituali possono anche farti conoscere altri insegnamenti come rivelare cosa succede quando moriamo:”E a volte, perché ho sognato di essere già morto, ma quando sono tornato non riuscivo più a raggiungere il mio corpo, perché il mio corpo era pieno di candele, quindi non potevo più avvicinarmi. Ma sapevo che Ero lì, ecco perché dico che quando uno muore, il nostro spirito viene e non può più avvicinarsi, perché ci sono molte candele e come si avvicinerà, perché le sue ali sono bruciate. Perché il nostro spirito è come una zanzara, potrei essendo una farfalla, possono essere molte cose e il nostro spirito può essere di molti tipi […] Ed è per questo che so che sì, non muori, è solo un cambiamento … “(Sig.ra Irma).d) Influenza dei sogni per le cerimonie

Nei sogni un guaritore può sapere se è necessario per lui celebrare la sua cerimonia di Malintzin, un rituale di purificazione che viene eseguito come rito di iniziazione e periodicamente da offrire agli esseri che contribuiscono alla guarigione come i santi; e agli esseri che causano la malattia, come i proprietari della malattia o il Maligno. Doña Concepción ci ha raccontato di aver sognato gli elfi che vivono a Tajín (6) , vicino a dove si trova la sua organizzazione e nel sogno li ha invitati alla cerimonia di Malintzin che si sarebbero esibiti il ​​25 luglio, giorno di Santiago Apóstol. Questo sogno è stato decisivo per realizzare questa cerimonia. 

In un’altra occasione, Doña Elba sognava una cerimonia di Malinzin, in cui si vedeva ballare con le offerte e incoraggiare i suoi compagni a seguirla:”E so che ho iniziato a ballare sul tavolo, che tutti mi hanno visto come hanno afferrato le nostre pentole, la testa di maiale. E quello che stavo dicendo alla compagna -Vieni, perché se non guarda, ti colpiranno- -Ti vuole, non aver paura- , sì, ecco perché ci dicono, vogliono che facciamo una Promessa, in modo che tutte le persone che verranno saranno purificate. “Silvia, che è la più giovane guaritrice che abbiamo intervistato, ci ha detto che nel sogno le chiedono di celebrare la sua cerimonia di Promessa:”Diverse volte ho sognato il tavolo, sogno che il mio tavolo sia ben coperto e decorato con fiori, e nei quattro angoli ha acceso candele e tutte le cose che ci metti, tamales, pane e tortilla chips, tutto ciò metterne uno sul tavolo, questo è il mio sogno. Ciò significa che è la Promessa, aha, la Promessa che mi chiedono, che la adempiono, in modo da poter continuare ad andare avanti, lavorare, più a mio agio “.

Pensieri finali

Tra i Totonac, i sogni sono una fonte di saggezza, poiché è in questo spazio che entrano in contatto con i loro antenati e divinità. I materiali determinati culturalmente sono espressi attivamente nei sogni, spesso costituiti da simboli dell’antica cultura Totonac, come gli elfi sognanti o gli Antiguani (7) . I contenuti dei sogni sono un riflesso della cultura in cui sorgono, incluso un intero insieme di miti, credenze, tradizioni e valori tipici della cultura Totonac.

Riassumendo le nostre scoperte, possiamo vedere che la vita da sogno ha una dimensione sacra, poiché è costituita dalle esperienze dello spirito. Tutti i guaritori condividono una simile concezione del sogno, quindi nella loro pratica di guarigione i loro sogni hanno avuto un ruolo importante nell’iniziazione, nel loro apprendimento e / o nella loro terapia. Anche se il livello di influenza varia in ciascun caso e il contenuto del sogno è diverso; condividono somiglianze. L’interpretazione che viene data ai sogni appartiene a un quadro di significato dato dalla cultura, ma il modo di interpretare è specifico per ogni medico indigeno. È così che si legittima come esperto, che combina la sua esperienza con le rivelazioni di quell’altro mondo, a cui accede solo grazie al suo intuito.

Per concludere, vogliamo sottolineare che lo studio dei sogni all’interno delle società tradizionali in generale, e delle società mesoamericane in particolare, è un’area che resta da esplorare, al fine di rivedere le somiglianze umane che possono esistere nel pensiero onirico. e allo stesso tempo, rendere conto della sua molteplicità di forme.

1 – culto della Santa Muerte (che tratterò prosimamente)

fonte http://www.ugr.es/~pwlac/G22_09LizEstela_Islas_Salinas-etc.html#N_3_

traduzione Mahan Priti

Di Mahan Priti Anna

Mahan Priti Anna, e sono una insegnante di yoga e meditazione, una curandera, una praticante sciamana, una studiosa e ricercatrice di esoterismo da oltre 30 anni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...